Miroir

tuberosa, sandalo, iris

In un altro tempo, quello in cui le donne eleganti portavano i guanti per le semplici passeggiate, una donna seduta alla toeletta mette a punto gli ultimi tocchi davanti al suo specchio: gli orecchini e il doppio filo di perle, la cipria di polvere di iris per definire il trucco, il rossetto rosso e, naturalmente, il profumo. Un paio di gocce sul tappo di vetro della bottiglia, le appoggia delicatamente sui polsi, dietro le orecchie, alla base del collo, nell’incavo dei gomiti. dove la sensualità della tuberosa, dalle note cremose e attraenti come di un fiore che si apre solo la notte, si concederà a baci nascosti, per farti scoprire poi un cuore di legno di sandalo, speziato e dolce. Sprofonderai nel suo animo mistico, fatto di spiritualità e solidità, per esserne rapito. Tornerai in te su un letto sontuoso di iris, che sà di talco e di risvegli dolci in stanze nobili, in cui una donna d’altri tempi, indossando i guanti, volge uno sguardo allo specchio prima di uscire

Filtri attivi